Mobilità internazionale, MIUR e PCTO

Ricevi molte domande dai tuoi studenti, oppure vorresti introdurre i programmi di anno scolastico all'estero nella tua scuola?

Siamo felici di fornire tutte le informazioni importanti sulla possibilità di frequentare una scuola superiore all'estero.

Chi siamo

L'anno all'estero è riconosciuto dal M.I.U.R.

Il Ministero della Pubblica Istruzione in base al D.L. 19.5.94 n. 297 art 192 e in particolare la nota MIUR 843/10 Aprile 2013 sostiene e regolamenta l'anno scolastico all'estero. Inoltre il soggiorno studio all’estero può essere valutato positivamente ai fini dell’attribuzione del credito formativo e come assegnazione delle ore PCTO, ex alternanza scuola-lavoro, di competenza dell'anno scolastico durante il quale è stata svolta l'esperienza all'estero.

La nota del MIUR Prot. 843 del 10 aprile 2013  “Linee di Indirizzo sulla Mobilità Studentesca Internazionale Individuale” sintetizza la normativa che disciplina le modalità di riconoscimento degli studi e brevi periodi di studio e di formazione effettuati all’estero e sostituisce a tutti gli effetti le precedenti circolari in materia, in particolare la C.M. n.181 del 17 marzo 1997, avente ad oggetto “Mobilità Studentesca Internazionale” e la C.M. n. 236 dell’8 ottobre 1999 avente ad oggetto “Mobilità Studentesca Internazionale ed Esami di Stato”.

Per incontrare le esigenze della scuola italiana, Astudy fornisce tutte le documentazioni richieste dal tuo istituto, e ti fornisce le istruzioni per ottenere, qualora fosse richiesto, il riconoscimento dei tuoi studi da parte delle autorità consolari.

 

Come funziona

Anno all'estero, Mobilità internazionale e PCTO

Per gli studenti in mobilità internazionale, secondo i chiarimenti interpretativi del MIUR (nota del 28/3/2017),  è facoltà del Consiglio di Classe stabilire se riconoscere l’esperienza come ore di PCTO, ex Alternanza Scuola Lavoro.

Grazie alle indicazioni del MIUR, le scuole superiori italiane non devono più ricorrere alla sottoscrizione di una Convenzione per gli studenti in Mobilità Internazionale per poter riconoscere i PCTO.

La gran parte delle scuole superiori italiane ha stabilito le modalità di riconoscimento in ore PCTO nelle loro linee guida o nei PTOF d’istituto.
Ecco alcuni esempi di come alcune scuole superiori italiane hanno recepito i chiarimenti del MIUR sul tema dei percorsi PCTO:

Liceo Tarantino di Gravina di Puglia

Liceo Manzoni di Lecco

Liceo Manzoni di Milano

 

Riferimenti normativi MIUR , PCTO e mobilità internazionale

Il MIUR, nella sua nota “Chiarimenti interpretativi del 28/03/2017” in tema di Alternanza Scuola Lavoro, dichiara che l’esperienza all’estero dello studente, in una famiglia e in una scuola diverse dalle proprie, contribuisce a sviluppare competenze di tipo trasversale, individuale e relazionale  e che imparare ad orientarsi al di fuori del proprio ambiente umano e sociale utilizzando le “mappe” di un’altra cultura, esige un impegno che van ben oltre quello richiesto dalla frequenza di un normale anno di studio e comunque mira a far apprendere competenze utili all’effettivo futuro inserimento nel mondo del lavoro, quali e non ultimi lo studio e la pratica intensiva della lingua straniera;


Anche le recenti
linee guida per i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO), pubblicate con Decreto n.774 del 4 settembre 2019, ricordano l'opportunità di potenziare gli aspetti interculturali e internazionali dell'educazione con "situazioni immersive in lingua straniera, anche all’estero."     

 

La nota MIUR   n.3355 del 28 /03/2017 , punto 7

“omissis…” è compito del Consiglio di classe valutare il percorso formativo partendo da un esame della documentazione rilasciata dall’istituto straniero e presentata dallo studente per arrivare ad una verifica delle competenze acquisite rispetto a quelle attese. Il Consiglio di classe ha, quindi, la responsabilità ultima di riconoscere e valutare tali competenze, evidenziandone i punti di forza, ai fini del riconoscimento dell’equivalenza, anche quantitativa, con le esperienze di alternanza concluse dal resto della classe in cui verrà reinserito lo studente al suo rientro. Nel caso, infine, di esperienze all’estero di durata inferiore all’anno scolastico, valgono le stesse considerazioni che precedono, salva la possibilità per gli istituti scolastici di attivare esperienze di alternanza ritenute necessarie all’eventuale recupero e allo sviluppo di competenze non ancora acquisite……. .”omissis……”

 

Incontri nelle scuole

Saremmo lieti di raggiungere la tua scuola per presentare agli studenti e alle famiglie i programmi di anno, semestre o trimestre scolastico all'estero.

I nostri studenti, una volta rientrati in Italia, collaborano con noi come "ambassador", partecipando alle riunioni in modo tale da raccontare agli alunni la loro esperienza. Insieme ad una persona del nostro staff, gli ambassador saranno felici di rispondere alle domande sulla scuola all'estero, sull'adattamento, sulla vita in famiglia, sul rientro e su tutte le domande che potrebbero sorgere.

Possiamo inoltre organizzare giornate tematiche, ad esempio con delle lezioni con un madrelingua inglese.

Siamo a completa disposizione, per personalizzare il servizio, e avvicinare i giovani e la scuola a questo programma. Contattaci per informazioni.