Il mio primo Homecoming

Giulia è un exchange student in USA, dove sta trascorrendo il suo anno scolastico all’estero.

E finalmente uno dei momenti che più aspettavo è arrivato. Di cosa sto parlando? Ovviamente dell’Homecoming. Per chi non lo sapesse l’Homecoming è uno dei balli delle scuole americane celebrate durante i primi mesi di scuola. Ma non è solo un ballo, è molto di più!

Homecoming Week

I festeggiamenti durano tutta la settimana, chiamata Homecoming week, in cui ogni giorno ha un tema specifico ed uno specifico dress-code. È una tradizione molto sentita e tutti partecipano, perfino gli insegnanti. La settimana si è aperta con il Red & Black Monday (i colori della scuola).
Per me è stato estremamente facile trovare un outfit per quel giorno visto che il rosso ed il nero sono i colori predominanti all’interno del mio armadio.

Più complicato è stato rispettare il codice di abbigliamento del secondo giorno, il Neon & Sunglasses Day. Non fraintendetemi, non sono una ragazza che veste solo in bianco e nero, ho anche maglie e pantaloni colorati, ma di capi con colori neon proprio zero. Sono comunque rimasta parzialmente nello spirito della giornata andando a scuola con gli occhiali di sole.

Il giorno più interessante è stato quello centrale, il Pajama Wednesday. Che gusto svegliarsi la mattina già pronti per uscire di casa.
È stata la giornata con più partecipazione e la più divertente di questi cinque giorni.

Il giovedì abbiamo celebrato gli anni 50. Per me è stato facile trovare vestiti anni 50 da indossare perché in Italia la città in cui vivo organizza ogni estate da anni un festival chiamato Summer Jamboree durante il quale per due settimane i turisti si vestono con vestiti anni 50, ammirano le auto d’epoca e ballano il rock'n'roll in spiaggia.

Quest'anno mi è dispiaciuto averlo perso in quanto il primo giorno del summer coincideva con il giorno della mia partenza ma il '50 day mi ha dato la possibilità di festeggiare il mio amato festival come da tradizione, anche se solo per qualche ora.

L’Homecoming Week si è conclusa con il Monster Friday in cui ci siamo vestiti con i costumi di Halloween. Ogni venerdì c'è sempre qualcosa organizzato durante il pranzo, quel venerdì c'è stata la sfilata di tutte le ragazze ed i ragazzi dell'ultimo anno che erano stati nominati per diventare King and Queen dell'homecoming 2018.

Il ballo

La settimana dell’homecoming è stata davvero interessante e mi sono divertita moltissimo a seguire questi dress-code, ma chiaramente il giorno più divertente della settimana è stato il sabato, il giorno del ballo.

Il ballo iniziava alle 7 ed io mi sarei dovuto incontrare con Pekka, il mio accompagnatore, e con le mie amiche intorno alle 7:30 però, una volta pronta per farmi accompagnare a scuola, Devin (il mio host brother) ha deciso di prendere la macchina fotografica e mi ha portato a fare un po' di foto.
Il risultato? Magnifiche foto e 20 minuti di ritardo.

Una volta arrivata, mi sono unita al mio gruppo che mi aspettava davanti all'entrata dell'aula in cui si è tenuto in ballo. C’erano due stanze: nella prima c'erano una serie di tavolini, l'angolo per le foto ed un gran buffet di dolci e alla fine della stanza una porta incorniciata da una serie di lucine che si apriva sulla sala da ballo.

La sala era l'equivalente delle nostre discoteche con la macchina del fumo le luci a LED e canzoni ben ritmate. Ho ballato con i miei amici, chiacchierato seduta al tavolo, mangiato dolci e ballato ancora.

A fine serata c'è stata la premiazione del re e della reginetta e una delle mie amiche ha vinto. La fine della serata, una volta terminata la premiazione, è arrivata veramente in un momento ed io e i miei amici e ci siamo salutati. È stata una serata speciale che tutti dovrebbero vivere almeno una volta nella vita e la ricorderò sempre con il sorriso.

Giulia scrive dalla California mentre sta trascorrendo il suo anno scolastico in USA. Vorresti anche tu frequentare una high school in California? Con Astudy puoi aggiungere una scelta dell’area al tuo programma!

Diventa un exchange student